Convegni
Formazione
Iniziative e Giorno della Memoria
Mostra e visite guidate

La progettazione culturale della Fondazione Villa Emma presenta un’articolata serie di appuntamenti pubblici: seminari, convegni, incontri organizzati in occasione di momenti del calendario civile come il Giorno della Memoria.

Di seguito una rassegna delle principali attività.


Convegni

17-18-19 GIUGNO 2016
Davanti a Villa Emma. La Costruzione di un luogo per la memoria dei ragazzi ebrei salvati a Nonantola
Cinema Teatro Troisi, viale Rimembranze 8, Nonantola (MO)

Dopo una ricerca durata tre anni, la Fondazione Villa Emma organizza un convegno internazionale per presentarne i risultati e per discutere le tante linee di lettura e di interpretazione della vicenda dei ragazzi ebrei accolti a Nonantola tra il 1942 e il 1943.

Visita il sito dedicato →

 

23-25 MARZO 2015
Un luogo a questa storia
Sala dei Giuristi, Palazzo della Partecipanza, via Roma 23, Nonantola (MO)

Oggi, la discussione sul Memoriale per i ragazzi ebrei salvati a Nonantola approda ad un importante momento di verifica. Dopo aver conosciuto – cinque anni fa – una fase d’avvio caratterizzata dal confronto con studiosi e rappresentanti di alcuni musei e luoghi di memoria, scelti come interlocutori per iniziare a ragionare su modelli ed esperienze da adottare in riferimento al nostro lavoro, siamo infatti passati – con la riflessione maturata all’interno di un gruppo di ricerca – a valutare concretamente la possibilità di intervenire in precisi contesti e spazi davanti e attorno a Villa Emma, secondo modalità di costruzione e rappresentazione che, a nostro parere, toccano e interpretano opportunamente le relazioni e le situazioni che caratterizzano l’incontro tra i ragazzi ospitati a Villa Emma e i nonantolani.


Formazione

7-8 DICEMBRE 2016
La stada per Villa Emma. Ragazzi ebrei salvati e comunità di Nonantola
Storia memoria luoghi: strategie didattiche e modalità di visita
Sala Mirko Sighinolfi, via del Macello, Cortile della Torre dei Bolognesi, Nonantola (MO)

Tra le questioni affrontate nel corso del convegno Davanti a Villa Emma (17-19 giugno 2016), non è mancata quella relativa al rapporto tra luoghi della memoria e mondo della scuola; una frequentazione scandita da attenzione reciproca e collaborazione su progetti didattici. A distanza di qualche mese, sulla scia del lavoro avviato dal Gruppo di ricerca impegnato nell’ideazione di un luogo per la memoria dei ragazzi ebrei salvati a Nonantola, si darà l’avvio a una serie di appuntamenti sui principali temi emersi nell’incontro dello scorso giugno.

Scarica il PDF →


«L’età del transito e del conflitto»: calendario delle presentazioni

16 MARZO 2017 · VERONA
Scarica il PDF →

3 FEBBRAIO 2017 · REGGIO EMILIA
Scarica il PDF →

26/27 MAGGIO 2017 · MANTOVA
Scarica il PDF →

31 MAGGIO 2017 · ROMA
Scarica il PDF →

Iniziative culturali e Giorno della Memoria

Il 27 gennaio della Fondazione Villa Emma 2017
Scarica il PDF →

Il 27 gennaio della Fondazione Villa Emma 2016
Scarica il PDF →


Mostra e visite guidate

I ragazzi ebrei di Villa Emma a Nonantola: 1942-1943
a cura di Ombretta Piccinini e Klaus Voigt

Mostra permanente allestita presso la Torre dei Bolognesi, Giardino Perla Verde, ingresso da via del Macello e via G. Marconi 11.

bacheca

Inaugurata nell’ottobre del 2001 e frutto della ricerca storica condotta da Klaus Voigt, la mostra consente di ricostruire la lunga fuga di 73 ragazzi ebrei e dei loro accompagnatori attraverso l’Europa segnata da guerra e persecuzioni. Fotografie, documenti e oggetti guidano la narrazione: particolare risalto acquista il periodo della permanenza a Villa Emma, dove, grazie all’aiuto della popolazione di Nonantola, tra la quale spiccano le figure di Don Arrigo Beccari e Giuseppe Moreali, i mesi trascorsero all’insegna di una normalità ristabilita, fatta di studio, lavoro e svaghi. Le immagini, che documentano i vari spostamenti del gruppo – Lesno Brdo (Slovenia), Nonantola, Bex (Svizzera), Palestina – rispecchiano i tanti momenti dell’esperienza vissuta dai ragazzi, portando in primo piano gli aspetti legati alla vita quotidiana. In occasione del 27 gennaio – Giorno della Memoria 2009, alla disposizione originaria sono stati aggiunti due nuovi pannelli, che ampliano il racconto gettando luce sul destino dei due “sommersi” del gruppo di Villa Emma: Salomon Papo e Goffredo Pacifici, deportati e assassinati ad Auschwitz. La mostra presenta documenti, fotografie e mappe che illustrano con efficacia l’intero arco della vicenda, dagli inizi fino all’approdo dei ragazzi in Palestina.

 

Visite guidate

Per informazioni e prenotazioni scrivere a ganguide@yahoo.it specificando i seguenti dati:

  • nome e cognome del referente
  • nome della scuola, dell’agenzia, dell’associazione o del gruppo a cui si fa riferimento
  • numero dei partecipanti
  • data e ora richieste
  • recapito di posta elettronica e numero di cellulare

La Fondazione Villa Emma si avvale della collaborazione dell’Associazione GAN (Guide Autorizzate Nonantola).

 

La visita prevede tre fasi:

  1. Si svolge all’interno della Torre dei Bolognesi, che ospita temporaneamente la mostra. Consiste nell’illustrazione dei pannelli fotografici e documentari, che forniscono lo spunto per ripercorrere la vicenda dei ragazzi, inquadrandola nel contesto più generale del secondo conflitto mondiale e delle persecuzioni antiebraiche (durata: circa 45 minuti).
  2. Offre la possibilità di incontrare uno o due testimoni nonantolani, adolescenti o bambini all’epoca dei fatti, venuti a contatto con i ragazzi ospitati a Villa Emma. Le loro memorie restituiscono la dimensione della vita quotidiana in paese e lo spessore di un incontro con l’altro, ‘lo straniero’, fatto di amicizia e solidarietà (durata: circa 60 minuti).
  3. Sviluppa, per le vie di Nonantola, un itinerario che consente al visitatore di frequentare una duplice dimensione: ripercorrere i luoghi teatro della vicenda; scoprire i segni e le presenze memoriali che, nei decenni dopo la guerra, hanno progressivamente trovato posto nella topografia e nel contesto urbano di Nonantola (durata: circa 35 minuti).

 

Informazioni utili:

  • I gruppi non possono superare il numero di 40 persone; oltre le 40, è necessario prenotare un’altra guida.
  • Il pagamento della visita guidata va effettuato direttamente e in contanti (salvo diversi accordi preventivi).
  • La durata e l’ordine di ogni fase della visita possono variare a seconda delle caratteristiche e delle esigenze dei gruppi, e possono essere concordati in anticipo con le GAN al momento della prenotazione.